venerdì 28 giugno 2024

Le Ragazze malate di Madame Zoe Filì




Tania Filì

Le ragazze di Madame Zoe

(Per i Lettori di Storie in Costume, Lettori di Rivalse Amorose) 

Recensione
di Monica Montanari 


Il solito miserabile e la solita azzerbinata

Dalla vostra Lyanne Quay di Un Conte per Tiranno!
Dei tre romanzi contenuti nel cofanetto, ho letto il primo. E non leggerò i successivi. È la visione di vita a risultarmi inaccettabile. Il romance, si sa, dà corpo a valori di vita, come pochi altri generi narrativi di intrattenimento. Promuove sempre un’ideologia e l’ideologia di questo lady Chastity è arretrata. Come si può mettere in pagina un eroe che incolla l’eroina a una colonna e in pratica la brutalizza e poi la disprezza a male parole. Una situazione in cui l’eroina, ah ah, riuscirà a impalmare questo gioiello di virtu virile, perché udiete, RESTA INDIFFERENTE E GLI SORRIDE.
Avete capito bene.
Lei non fa ciò che ti auguri ardentemente come lettore, non consiglia all'eroe di visitare presto un andrologo cui poter affidare una virilità tanto insicura da nutrirsi del disprezzo per le donne.
L’eroina riesce a stringere i denti e a conseguire il premio, l’ingresso nel novero delle donne maritate e sessualmente attive.
Evviva.
Eppure la frequentazione di tante lettrici di romance su Facebook conferma l’esistenza nel pubblico di un segmento nutrito di lettrici ben più arretrate della società vittoriana e georgiana. Voglio dire: ti piace immaginare l'eroina alle prese con un piacere masochistico? Se fai un romance – l'amore hai presente? – devi inventarti una costrizione esterna, qualcosa che obbliga l'eroe a sottoporre l'eroina a questi piaceri strani. Che ne so... li rapiscono i pirati e i pirati per divertirsi costringono l'eroe a farne di ogni alla protagonista.
Dal punto di vista tecnico, l’autrice è molto brillante negli scambi verbali e assolutamente confusionaria nella gestione dei nomi, al punto da rendere davvero arduo riconoscere i personaggi secondari.
Mi sono striacchiata fino alle trestelle perché l’autrice è italiana.

Monica Montanari 
(alias Lyanne Quay, Ophelia Keen, Ashley Andrews)

Link d’acquisto a Le Ragazze di Madame Zoe di Filì



Link d’acquisto a Un Conte per Tiranno di Quay

Imprevedibile e focosa come può esserlo una vera irlandese, e senza amore come può esserlo unicamente un’orfana, lady Wilhelmina Osraige deve affrontare da sola il soggiorno a Londra per la “piccola stagione” invernale.

È però lord Iain Middleton, terzo conte di Huntly, l'imperturbabile e ascetico banchiere, a doversi occupare di lei, con grande sgomento di entrambi, e a sovrintendere la sicurezza e il benessere della lady poco più che ventenne.

Al più integerrimo dei confratelli della Hellfire non resterà che tiranneggiare la giovane esperta di arti da salotto e tentare di togliersela dai piedi. Di trovarle un marito o rispedirla in Scozia, perché lui è un uomo tutto d’un pezzo.

E che pezzo!

Tant’è, l’imprevedibile Wilhelmina propone al conte di impartirgli lezioni d’amore e Lord Huntly dovrà stare ben attento a non abbandonare la schiera degli angeli custodi.

O finirà dritto in quella dei serafini infiammati d’amore, come il rosso scintillante dei propri capelli e di quelli color borgogna di Wilhelmina.

Commedia Romantica , romance storico di periodo georgiano


___________

N.B. LA RIVIVISCENZA DI QUESTO BLOG è DEBITRICE AD AMAZON PER AVERMI CANCELLATO TUTTE LE MIE VECCHIE RECENSIONI E AVERMENE IMPEDITE DI NUOVE. JEFF BEZOS SARà BEN FELICE DI TENERSI RECENSIONI FARLOCCHE A CENTINAIA CHE PONGONO AI VERTICI DELLE CLASSIFICHE TITOLI A VOLTE, NON DICO IMMERITEVOLI BENSì, PROPRIO ILLEGGIBILI. NON SCRITTI IN ITALIANO. CI SI DIMENTICA SEMPRE CHE QUESTE PIATTAFORME OBBEDISCONO A INTERESSI PRIVATI, NON A UN’IDEA PURCHESSIA DI “giustizia”. E DUNQUE SE PICCHI DURO E IN DIECI PROTESTANO PERCHÈ PICCHI DURO, JEFF TRA TE E QUEI DIECI (ANCORCHÈ PARENTI E AMICI DELL’AUTORE STRONCATO) SCEGLIE QUEI DIECI PERCHé 10 È maggiore di 1. Con ciò ora spalmo subito su Novelbus le mie belle stroncature e anche su Goodreads. 

A la guerre com a la guerre.

Nessun commento:

Posta un commento